DISTURBO ALIMENTARE

Alimentazione.

DISTURBO ALIMENTARE. LE FORME CORPOREE , IL PESO E L’ALIMENTAZIONE VENGONO INDICATI COME FATTORI DI RIFERIMENTO PER LA NOSTRA AUTOVALUTAZIONE E LA NOSTRA AUTOSTIMA. NELL’AMBITO DI QUESTO CONTESTO SI INSERISCONO I DISTURBI " DEL COMPORTAMENTO " ALIMENTARE (DCA). I DCA INDICANO UNA SERIE DI DISTURBI QUALI ANORESSIA, BULIMIA, DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) E ALIMENTAZIONE EMOTIVA , CARATTERIZZATI DA: PERDITA O AUMENTO ECCESSIVI DI PESO; ABBUFFATE; COMPORTAMENTO DI COMPENSO (VOMITO, USO DI LASSATIVI O DIURETICI, ESERCIZIO FISICO INTENSO); CONTROLLO OSSESSIVO DELLE FORME CORPOREE O EVITAMENTIO DELL’ESPOSIZIONE DEL CORPO; ECCESSIVA IMPORTANZA ATTRIBUITA AD ALIMENTAZIONE, CORPO E PESO.
AMBITI DI INTERVENTO. il percorso TERAPEUTICO MIRA A FARE ACQUISIRE UN NUOVO MODO DI RAPPORTARSI AL CIBO, INSIEME AD UNA MAGGIORE CONSAPEVOLEZZA ED ACCETTAZIONE DEL PROPRIO CORPO ATTRAVERSO: PSICOTERAPIA INDIVIDUALE E FAMILIARE; GRUPPI DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE; ATTIVITA’ RIABILITATIVE (MEZZI PER ESPRIMERE LA PROPRIA EMOTIVITA’ QUALI IL DISEGNO, LA  MUSICA ECC.) . TERAPIA DELLO SPECCHIO. IL PERCORSO HA UNA DURATA COMPLESSIVA DI 12 MESI: UNA FASE INTENSIVA (3 MESI); UNA FASE SEMI INTENSIVA (3 MESI); UN PERIODO DI MANTENIMENTO (6 MESI).

OGNUNO E’ RESPONSABILE DEL PROPRIO BENESSERE.

"OGNUNO VEDE QUEL CHE TU PARI, POCHI SENTONO QUEL CHE TU SEI" MACCHIAVELLI.