Gravidanza Tecniche di rilassamento

TECNICHE DI RILASSAMENTO PER IL PARTO
Training autogeno, ipnosi: sono sempre di più i metodi proposti alla donne per “conquistare” una serena tolleranza del dolore.

Il dolore da parto, è innegabile, esiste, ma questo dolore è decisamente variabile. La donna sentirà i dolori di questo stato, a seconda che sia più o meno sensibile, più o meno nervosa, più o meno stanca.  Ma questo dolore a  volte sopportabile o a volte insopportabile, può essere gestito.
 
Oggi il parto può essere preparato e non deve essere un evento ignoto e che mette paura. Se è conosciuto diventa più familiare e ci si può allenare a dominarlo cambiando l’atmosfera della nascita. Oggi spesso si propone la preparazione al parto per affrontare un parto senza l’angoscia del dolore e diverse sono le tecniche di rilassamento da scegliere tenendo in considerazione le proprie affinità personali.

Il metodo psicoprofilattico
Cioè la prevenzione del dolore mediante un’azione sulla psiche. La paura infatti dà luogo a una tensione eccessiva dei muscoli, che invece di rilassarsi affinché il bambino possa nascere, si contraggono generando dolore. La percezione del dolore a ogni contrazione uterina quindi è amplificata da un atteggiamento mentale negativo della donna che produce tossine responsabili dell'aumento del dolore. L'ansia, la paura, producono tossine che sono la causa della percezione del dolore. Una respirazione calma e profonda per ogni singola contrazione permette di raggiungere concentrazione e autocontrollo, di controllare l'ansia e quindi percepire meno dolore, o un dolore sopportable. 
 
 
1) Training autogeno

È una tecnica che tramite la calma e la respirazione mira ad alleviare la tensione fisica ed emotiva. La mamma raggiunge il rilassamento completo concentrandosi sul calore e sul peso delle diverse parti del corpo. Il metodo in questione abbrevia la durata del travaglio e riduce il dolore del parto. In genere è condotto da uno psicologo. 

2) Respirazione Diaframmaica
 

3)  L’ipnosi. (Se la condizione psicologica lo perette e non cisono controindicazioni).
Attraverso la suggestione porta ad un rilassamento totale, simile allo stato che precede il sonno. Permette quindi di affrontare il parto in maniera rilassata e di non sentire dolore, senza però perdere coscienza. Nel momento del parto questo stato di rilassamento profondo diminuisce l’intensità delle contrazioni e funziona come una specie di anestesia.